Dire NO alle malattie cardiovascolari

C’è qualcosa che hanno cercato di nascondere alla popolazione mondiale. Io ne sono venuto a conoscenza solo per caso e di recente. Nel 1998 è stato vinto il quarto premio Nobel nel settore della medicina. Ne avete mai sentito parlare? Temo di no. Sono passati 17 anni ed è stato mantenuto un silenzio sospetto sull’argomento. I premi Nobel vinti nella medicina sono stati solo quattro: nel 1901, è stato assegnato a Wilhelm Conrad Röntgen per i Raggi X; nel 1923 è stato assegnato a Frederick Grant Banting e a John James Rickard Macleod per la scoperta dell’insulina; nel 1928 a Robert Fleming, Howard Walter Florey e Ernst Boris Chain per la scoperta della penicillina (antibiotico). Si è sempre trattato, evidentemente, di grandi scoperte per l’umanità che hanno rivoluzionato il mondo della medicina e sono in breve tempo arrivati alla conoscenza delle masse influenzando in modo rilevante la vita quotidiana e la percezione delle malatti.. Ma il quarto? Sapete di cosa parlo? Temo non ne abbiate neanche mai sentito parlare. Si tratta dell’Ossido Nitrico. Un amminoacido chiamato arginina produce l’Ossido Nitrico nelle arterie. I tre scienziati, Luois Ignarro, Ferid Murad e Robert F. Furchgott, hanno vinto il Nobel per questa grande scoperta. Se il grande pubblico ne venisse a conoscenza la realtà delle malattie cardiovascolari ne sarebbe totalmente rivoluzionata. Cosa fa l’Ossido Nitrico? Rilassa le pareti delle arterie. La prima conseguenza è che si abbassa la pressione arteriosa. Aumenta il flusso del sangue per tutto il corpo. Il sangue e i nutrienti arrivano a tutti gli organi, tessuti e cellule più facilmente. Se tutti riuscissero ad aggiungere l’arginina nell’alimentazione o come integratore alimentare, più del 50% dei casi di malattie cardiache cambierebbe. Gli scienziati che hanno studiato gli effetti dell’arginina su un campione significativo di pazienti hanno riscontrato dei risultati estremamente soddisfacenti e sono così giunti alla formulazione di un protocollo. Uno in particolare, Dr Joseph Prendergast, in Arizona, ha avuto personalmente dei problemi cardiovascolari a circa 40 anni. In seguito a degli esami diagnostici gli hanno riferito che aveva le arterie di un ottantenne. Si è spaventato perché suo padre aveva avuto un ictus prima dei 40 anni, quindi c’erano dei fattori di rischio. Così ha effettuato delle ricerche personalmente e dopo aver scoperto dell’esistenza dell’arginina e delle importanti scoperte del 1998, in collaborazione con l’università di Stanford, ha creato un prodotto che ha assunto personalmente Dopo pochi mesi ha verificato che l’arteriosclerosi nelle arterie era del tutto sparita. Il colesterolo e la pressione si erano abbassati. Attualmente il Dr Prendergast somministra l’arginina a tutti i suoi pazienti con gli stessi risultati, tanto da ricevere numerosi riconoscimenti per il numero di pazienti e di famiglie che ha aiutato. Nessuno dei suoi pazienti, dopo aver seguito il suo protocollo, ha avuto ictus o infarti. Eppure queste informazioni non vengono diffuse facilmente. Io stesso che sono un dottore (Doctor) e studio alimentazione e metodi alternativi sono venuto a conoscenza dell’argomento solo di recente e per caso.

Ho approfondito autonomamente l’argomento e ho cercato di risalire a quale integratore a base di arginina in commercio sia il più completo e soddisfacente poiché l’equipe di Stanford non ha usato per le sue ricerche, solo l’arginina ma anche vitamina k, grandi dosi di vitamina D, citrulina (un amminoacido che prolunga l’effetto dell’arginina), vitamine B3 e B12 e vitamina C. Inoltre la quantità di arginina somministrata quotidianamente è più alta rispetto a quella contenuta in altri integratori: ne utilizzavano 5 gr a l giorno.

Così mi sono imbattuto, grazie a dei miei amici che sono health coaches come me, in questa compagnia, Synergy Worldwide, che è riuscita a far arrivare questo prodotto in Europa (cosa non semplice per i controlli di qualità). Da pochi anni, questo integratore è arrivato anche in Italia. Io lo sto utilizzando personalmente e d ho già visto i primi cambiamenti su me stesso. Il prodotto è veramente eccezionale, chiunque consigliato da me lo sta già utilizzando qui in zona sta avendo grandi vantaggi. Se avete delle domande e volete scoprire di più potete venirmi a trovare, o contattarmi in qualsiasi modo. C’è un libro che sull’argomento che consiglio di leggere, scritto proprio da uno dei tre scienziati che hanno vinto il Nobel nel 1998, il Dr L. Ignarro: “NO more cardiovascular disease” (Dire NO alle malattie cardiovascolari). Il Dr Esselstyn, un altro medico di avanguardia, amico del Dr Colin Campbell (“The China Study”), ha scritto un libro su come curare le malattie cardiache. Lui stesso, in un primo momento, usava solo l’alimentazione ma ha aggiunto l’arginina al suo protocollo e anche lui, in poche settimane, ha verificato che le arterie si aprono. ProArgi9 è un prodotto che si può usare anche in via preventiva affinché le placche di colesterolo non si depositino sulle arterie.

Come Chiropratico e health coach, vorrei che queste informazioni circolassero il più possibile. Condividete la notizia con chiunque possa essere interessato e contattatemi per ulteriori chiarimenti.

Spero di essere stato utile.

Grazie

A presto

 

7 pensieri su “Dire NO alle malattie cardiovascolari

  1. buonasera, sicuramente lei saprà che ci sono recenti ricerche scientifiche, non finanziate da nessuna casa produttrice, che hanno evidenziato come un integrazione orale di arginina non dia alcun beneficio.
    alcune case produttrice consapevoli di ciò hanno studiato un arginina potenziata, la agk, ma anch’essa si è rivelata un flop.
    con questo non sto dicendo non sia vero che tale amminoacido non sia di fondamentale importanza ma solo che serve un iniezione endovena per renderla assorbibile dal nostro corpo.
    potrà verificare Lei stesso tale studi semplicemente (sempre se non è in conflitto d’interessi visto che è un distributore da come ho capito)
    per semplificarle la ricerca posso indicarle un sito che opera in ricerche liberamente e senza vincoli e conflitti d’interesse.
    examine.com
    la ringrazio per l’attenzione e attendo la sua replica per discuterne con lei e magari chiarire meglio l’argomento.
    buonaserata

    • Ciao Alessandro, mi fa piacere che verifichi quello che senti o leggi.
      Ci sono diversi prodotti a base di L-Arginina in commercio che sono inefficaci. In primo luogo è molto importante che non si presenti in capsule. La forma liquida (solubile) o endovenosa è la migliore. In genere, l’integratore a base di Arginina usato dagli atleti contiene anche L-Lisina. Quest’ultimo è un antagonista dell’Arginina e impedisce la produzione di Ossido Nitrico. Ci sono anche degli alimenti che tendono ad essere antagonisti dell’Arginina e a bloccarne l’efficacia. In genere, gli atleti assumono Arginina per l’effetto che ha sulla produzione dell’ormone della crescita. Ho valutato molti integratori con Arginina in commercio e credo di aver trovato il migliore disponibile. L’ho consigliato a molti pazienti negli ultimi 4 mesi con benefici evidenti e misurbili.
      Ti ringrazio molto per l’interesse.
      Mike

  2. Michael, sei sempre insostituibile. Visto che anch’io ho qualche problemino di pressione arteriosa alta, vorrei provare il prodotto da te consigliato.
    dove lo posso trovare? … in farmacia? … il suo nome è ProArgi9 ?
    ti ringrazio tantissimo.
    Luciano S.

    • Ciao Luciano. Sì, l’arginina può essere acquistata in farmacia o in negozi specializzati ma posso darti dei consigli e aiutarti a reperire il miglior prodotto sul mercato in quanto ad affidabilità dell’azienda e qualità del prodotto.

  3. Grazie dott. Senior per i suoi preziosissimi suggerimenti.
    E’ un beneficio apprendere ciò che lei scopre attraverso le sue approfondite ricerche.
    Grazie per questi doni…e commuove il suo impegno nella condivisione.

    La saluto con profonda gratitudine.

    Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *