La Chiropratica batte la fisioterapia per il mal di schiena

In tanti vengono mandati dal fisioterapista per il mal di schiena ma uno studio recente dimostra che i pazienti dei Chiropratici hanno risultati migliori.

Naturalmente, si possono intreprendere tante strade per lo stesso problema ed ognuno risponde in modo diverso. Nonostante questo, numerosi studi hanno dimostrato che la Chiropratica rappresenta un trattamento efficace per il mal di schiena. Oggi, un nuovo studio ha approfondito il tema dell’efficacia della Chiropratica, confrontandola ai trattamenti fisioterapici, analizzando i benefici a lungo termine che si possono ottenere. E’ questo il punto che trovo più interessante poiché, come sapete, il mio approccio è molto attento alla prevenzione e ad un benessere duraturo nel tempo, La fisioterapia resta un metodo che può offrire benefici, parallelamente alla Chiropratica.

Gli studi che, precedentemente, avevano analizzato i risultati a lungo termine, avevano preso in considerazione solo le autovalutazioni dei pazienti sul livello del dolore e della disabilità procurata. Si possono, invece, approfondire le considerazioni su due tipi diversi di terapia, esaminando la quantità di trattamenti che i pazienti richiedono dopo il periodo iniziale. Ed è questa a mio avviso, la parte più interessante di questo nuovo studio.

Gli autori, in questo caso, hanno preso in considerazione 191 pazienti con mal di schiena. 107 di loro hanno ricevuto aggiustamenti chiropratici e gli altri 84 hanno eseguito fisioterapia attiva. In entrambi i casi i trattamenti sono stati effettuati da 2 a 4 volte a settimana per quattro settimane. Tutti i pazienti sono stati seguiti per l’anno successivo, per verificare i risultati.

Gli autori dello studio hanno riscontrato che il 54% dei pazienti che seguivano fisioterapia hanno richiesto cure per

I risultati di questo studio sono davvero molto interessanti perché confermano la validità della Chiropratica come terapia a lungo termine, cosa che, secondo me, è più importante degli interventi d’emergenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *