L’artrosi si può rallentare

Molti dei nostri pazienti lamentano problemi di artrosi lombare, che provoca lombalgia e lombosciatalgia e artrosi cervicale, correlata a cervicalgia.

Cosa può fare la chiropratica in caso di Artrosi? L’artrosi è una patologia degenerativa della cartilagine articolare. Presenta 3 caratteristiche fondamentali: è degenerativa, cronica e progressiva. Circa 4 milioni di italiani soffrono di questa malattia, i più colpiti risultano essere le persone anziane. Le articolazioni maggiormente interessate dall’artrosi sono: la colonna vertebrale, l’anca, il ginocchio, le dita delle mani e quelle dei piedi. Ma…cosa accade realmente?

Potremmo definire l’artrosi come un processo di lenta distruzione delle cartilagini articolari che conduce, nel tempo, alla progressiva perdita delle componenti anatomiche che formano le articolazioni stesse. La cartilagine articolare, che è un tessuto elastico costituito da fibre elastiche e collagene, viene sostituita da nuovo tessuto osseo. Tutto ciò provoca dolore ed una limitazione nei movimenti. Molti dei nostri pazienti lamentano problemi di artrosi lombare, che provoca lombalgia e lombosciatalgia e artrosi cervicale, correlata a cervicalgia. Si alzano al mattino con la schiena rigida, contratta, non riescono a raddrizzarsi e mettersi in piedi, o anche semplicemente alzarsi da una sedia senza dolore. Altri presentano problemi di dolore cervicale, vertigini, sbandamenti, annebbiamento della vista, sensazione che al mattino, appena svegli, la testa sia “incollata al cuscino”.

Cosa può fare la chiropratica in caso di Artrosi?

Come ben sai le vertebre possono andare incontro a disallineamenti, patologie e veri e propri blocchi, tutte condizioni denominate dalla chiropratica ‘sublussazioni’. Il nostro compito è quello di individuare quale delle tue vertebre non sta funzionando nella maniera corretta, liberarla da blocchi e sublussazioni e permettere alla colonna vertebrale di ritrovare il suo naturale equilibrio. L’artrosi è direttamente correlata all’età: è presente nella maggioranza degli esseri umani al quarantesimo anno di vita e nella quasi totalità dei settantenni, con un picco di massima incidenza fra i 75 ed i 79 anni. Si tratta di un naturale processo di invecchiamento… tuttavia ci sono casi in cui a causa di posture sbagliate, eccessiva attività fisica, stress, questo processo può avanzare velocemente ed essere sintomatico.

Nei miei 20 anni di esperienza ho potuto osservare come, attraverso aggiustamenti e manipolazioni calibrate, ci sia stato un arresto e una decelerazione dei processi di distruzione delle cartilagini articolari. In alcuni casi l’artrosi è addirittura diminuita fino a quasi scomparire!

E’ molto importante riuscire ad individuare e correggere le cattive abitudini o qualunque condizione che abbia favorito e accelerato i processi di artrosi.

In questo modo, attraverso il nostro impegno e la tua collaborazione, sarà possibile riuscire ad ottenere rapidamente dei benefici e renderli duraturi nel tempo. Se hai un problema di salute che sta limitando la tua vita, se sei stanco di assumere farmaci che ti danno solo un sollievo momentaneo…non esitare a percorrere una strada alternativa.

1 pensiero su “L’artrosi si può rallentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *