La felicità nella pancia

In primo piano

Avete mai sentito parlare di serotonina? Magari avrete sentito dire che provoca un sensazione di piacere, ad esempio, quando mangiamo della cioccolata. La serotonina è un neurotrasmettitore, prodotto prevalentemente nel sistema gastrointestinale, che svolge un ruolo centrale in diversi processi fisiologici. E’ comunemente noto come ormone del benessere poiché una delle sue azioni più interessanti è quella di regolatore dell’umore. Per questo spesso si cercano metodi per alzarne il livello.

La serotonina viene prodotta per circa il 70% nell’intestino tramite la flora batterica. Oltre ad assumere dall’esterno cibo che ne stimola la produzione, per un adeguato livello di serotonina e, di conseguenza, per il nostro benessere e buon umore potrebbe essere forse ancora più utile avere una particolare cura per l’apparato gastrointestinale. Dovremmo, quindi, prestare particolare attenzione all’equilibrio della nostra flora batterica che può essere alterato da vari fattori. In primo luogo, l’uso o abuso di antibiotici e il consumo di cibi che li contengono (come la carne di ovini bovini e suini), può essere considerato una delle principali cause di squilibrio della flora batterica. Da non sottovalutare anche la cattiva abitudine di assumere pochissimo o nessun cibo crudo impedendo di fatto l’immissione di nuovi batteri nel nostro organismo, spinti si direbbe da una paura del tutto moderna e incontrollata verso microbi e batteri.

Cosa può essere utile, invece? I probiotici, che notoriamente hanno un effetto positivo sul sistema gastrointestinale, possono aiutarci a riacquistare l’equilibrio della flora batterica con un effetto positivo sui livelli di serotonina e sul nostro umore.

Prendiamoci cura del nostro intestino

In primo piano

Sono tanti i benefici di un intestino sano. Molti aspetti della nostra salute dipendono dal corretto funzionamento dell’intestino. In tanti lo considerano addirittura il nostro secondo cervello. Nell’intestino vive un numero esorbitante di batteri buoni (la flora batterica) con cui viviamo praticamente in simbiosi. Un intestino sano garantisce l’eliminazione corretta delle tossine accumulate e un migliore assorbimento dei nutrienti. Se l’intestino funziona correttamente, si evitano ovviamente problemi di stitichezza o diarrea, si dimagrisce più facilmente quando necessario, si ha una digestione migliore, un sistema immunitario più forte e si possono persino affrontare meglio problemi vari connessi all’umore. E’ molto importante quindi sapere che per un’ottima salute del nostro intestino si può introdurre e utilizzare regolarmente una bevanda fermentata di cui alcuni avranno già sentito parlare. Il kefir.

Il kefir si ottiene da “granuli”di fermenti vivi. E’ una fonte di proteine complete, con molti amminoacidi essenziali, minerali e vitamine del gruppo B. Contiene molti ceppi di batteri buoni e fermenti assolutamente benefici. Questi probiotici aiutano a ripulire l’intestino, ad riequilibrare la flora batterica e ad eliminare molti patogeni come l’escherichia coli. Il kefir aiuta in caso di problemi al sistema digestivo, in caso di infiammazione cronica e stimola il sistema immunitario. Rispetto allo yogurt, il kefir contiene una maggiore varietà di batteri e fermenti che possono creare delle piccole colonie nel colon e vivere lì, continuando la loro azione benefica nel tempo. Esistono dei ceppi di kefir che crescono nel latte. Questi ultimi risultano ben digeribili anche agli intolleranti al lattosio. Eppure, noi consigliamo sempre di evitare il consumo di latte e derivati. Il kefir si può coltivare semplicemente nell’acqua, nel succo di frutta nel latte di riso ed in altre bevande che non danno i problemi dei latticini.

La nostra raccomandazione è di coltivare il kefir d’acqua in casa. Il procedimento è veramente semplice, richiede solo pochi minuti ed una spesa davvero irrisoria. Questo garantisce di produrre naturalmente una bevanda ricca di enzimi (fondamentali per la nostra vita) che contiene dei fermenti veramente vivi e completi rispetto alle soluzioni liofilizzate che si possono trovare in farmacia.