La felicità nella pancia

In primo piano

Avete mai sentito parlare di serotonina? Magari avrete sentito dire che provoca un sensazione di piacere, ad esempio, quando mangiamo della cioccolata. La serotonina è un neurotrasmettitore, prodotto prevalentemente nel sistema gastrointestinale, che svolge un ruolo centrale in diversi processi fisiologici. E’ comunemente noto come ormone del benessere poiché una delle sue azioni più interessanti è quella di regolatore dell’umore. Per questo spesso si cercano metodi per alzarne il livello.

La serotonina viene prodotta per circa il 70% nell’intestino tramite la flora batterica. Oltre ad assumere dall’esterno cibo che ne stimola la produzione, per un adeguato livello di serotonina e, di conseguenza, per il nostro benessere e buon umore potrebbe essere forse ancora più utile avere una particolare cura per l’apparato gastrointestinale. Dovremmo, quindi, prestare particolare attenzione all’equilibrio della nostra flora batterica che può essere alterato da vari fattori. In primo luogo, l’uso o abuso di antibiotici e il consumo di cibi che li contengono (come la carne di ovini bovini e suini), può essere considerato una delle principali cause di squilibrio della flora batterica. Da non sottovalutare anche la cattiva abitudine di assumere pochissimo o nessun cibo crudo impedendo di fatto l’immissione di nuovi batteri nel nostro organismo, spinti si direbbe da una paura del tutto moderna e incontrollata verso microbi e batteri.

Cosa può essere utile, invece? I probiotici, che notoriamente hanno un effetto positivo sul sistema gastrointestinale, possono aiutarci a riacquistare l’equilibrio della flora batterica con un effetto positivo sui livelli di serotonina e sul nostro umore.