Cerchi un vaccino per l’influenza? Ecco il mio

In primo piano

La stagione invernale si avvicina. Ognuno di noi si prepara alle incombenze dell’inverno. Pensavo, tra me e me, che tra poco inizierò a ricevere, come ogni anno, pazienti preoccupati dell’influenza, ancora uno spauracchio per tutti coloro che non hanno trovato la strada giusta per affrontarla. Allora ho deciso di correre ai ripari, descrivendo in anticipo quello che mi piace definire “il mio modello”.

Il principio fondante, alla base di ogni reale approccio preventivo, è quello di potenziare il sistema nostro immunitario. Possiamo farlo operando le scelte giuste nella vita quotidiana. Ecco quelle che io consiglio:

  • Aggiustamenti chiropratici

Diversi studi scientifici ad oggi hanno confermato che gli aggiustamenti chiropratici migliorano in modo rilevante il funzionamento del sistema immunitario. D’altronde la mia esperienza quotidiana con i pazienti lo conferma ampiamente.

  • Alimentazione alcalina

Il nostro organismo ha un pH che andrebbe rispettato attentamente. Come ormai riconosciuto da più voci di rilievo nel mondo accademico, l’eccesso di acidosi è considerato alla base di diversi problemi di salute. Un modo semplice per regolare il pH è quello di bere acqua alcalina, considerando che il nostro corpo è composto al 70% di acqua. Anche l’alimentazione gioca un ruolo centrale: assumere prevalentemente cibi alcalini sarebbe la scelta ideale.

  • Dormire bene

L’importanza del sonno viene spesso sottovalutata. Il legame fra sonno e salute è noto da tempo e si basa sulla rottura dell’equilibrio del ritmo circadiano. È sufficiente riposare male per un paio di notti per intaccare il normale funzionamento del sistema immunitario. Al pari dello stress, infatti, la carenza o la cattiva qualità del sonno può intaccare il nostro sistema immunitario, poiché proprio durante il sonno si verificano attività cerebrali atti alla protezione e riparazione del sistema nervoso centrale.

  • Disintossicazione

Il nostro stile di vita ci espone da più parti a tossine e veleni di varia origine (acqua, cibo aria). La disintossicazione può avvenire in vari modi collegati alla corretta assunzione di liquidi, alla dieta ed alla cura dell’apparato gastrointestinale e del colon che svolge un ruolo fondamentale nel funzionamento del sistema immunitario. Personalmente, consiglio in particolare di praticare regolarmente il digiuno terapeutico e di utilizzare la sauna ad infrarossi, un ottimo metodo per la disintossicazione dai metalli pesanti.

  • Esercizio fisico

Diversi studi condotti sugli atleti e su persone che praticano attività fisica in modo regolare a livello amatoriale hanno evidenziato che l’allenamento moderato, che mantiene in forma l’organismo senza stressarlo, contribuisce a potenziare la capacità di contrastare i virus prima che possano attecchire. Il mio consiglio è quello di scegliere un allenamento che piaccia in modo da riuscire ad essere costanti, facendo solo attenzione a che sia commisurato all’età, alle proprie caratteristiche fisiche e al livello atletico individuale.

  • Meditazione

Ultimo ma non meno importante, lo stress emotivo. Anche questo fattore  spesso sottovalutato ha grande influenza sulla nostra salute e, se prolungato, può danneggiare il sistema immunitario, oltre che quello e nervoso. Spesso i pazienti si sentono impotenti di fronte allo stress, come fosse un nemico inattaccabile di cui si subiscono i danni passivamente. Ma ricordate, non è così! Ci sono tante strategie che si possono mettere in atto per affrontare lo stress, dalla più elementare alla più elaborata. Un esempio, tra tanti, è la meditazione, il metodo che mi piace utilizzare.

Se avete voglia di capire se il vostro sistema immunitario funziona correttamente o se il vostro organismo rispetta l’equilibrio acido/basico potete sottoporvi ad un esame del sangue vivo, eseguito da me nello studio chiropratico e, soprattutto… Non dimenticate gli aggiustamenti chiropratici!

La Chiropratica in sintesi

In primo piano

Molti sono confusi riguardo alla Chiropratica. Nonostante tanti anni di esperienza, devo constatare che è ancora una disciplina poco nota e per questo sottovalutata, come strumento per prendere il controllo della propria salute.

Una delle caratteristiche più interessanti è che si tratta di uno strumento di prevenzione reale. E’ importante, in questo senso, chiarire la differenza netta tra prevenzione e diagnosi precoce. Nel momento in cui la medicina tradizionale ci parla di prevenzione attraverso esami diagnostici, sta in realtà confondendo i due ambiti poiché un esame diagnostico può individuare un problema solo dopo che si è presentato. L’azione preventiva della Chiropratica, invece, potrebbe essere paragonata all’importanza dell’igiene orale per la salute dei denti. Come chiropratico, cerco di far passare il più possibile il messaggio per cui la Chiropratica non riguarda solo il mal di schiena, la cervicale, il mal di testa e sintomi simili. Ha a che fare con il sistema nervoso autonomo che, insieme al cervello, controlla ogni funzione dell’organismo. Se si presenta una sublussazione, una disfunzione in questo sistema di comunicazione, i nostri organi interni potrebbero non funzionare correttamente. Ricerche recenti dimostrano che la Chiropratica aiuta  prevenire la degenerazione della colonna (osteoartrite, problemi ai dischi). Prendersi cura della propria colonna ( e delle terminazioni nervose che vi passano attraverso) prolunga la vita della colonna stessa e aumenta le potenzialità del sistema nervoso autonomo, prolungando di conseguenza la vita (e la qualità della vita) dell’individuo.

Un altro spetto fondamentale della Chiropratica è l’attenzione alla vera causa del problema. La Chiropratica non guarda ai sintomi ma alla causa degli stessi. La medicina tradizionale, al contrario, tratta i sintomi che si presentano con la somministrazione di medicinali. Ma, come mi piace ripetere, non è la carenza di un determinato medicinale che ha causato il problema. I medicinali dovrebbero essere limitati alla sfera degli interventi di emergenza e non hanno a che vedere con il prendersi cura della propria salute.

Infine, ma non meno importante, c’è la considerazione che il Chiropratico attribuisce una grande imponanza allo stile di vita, nella ricerca delle cause di un problema. Se ci ammaliamo, in sintesi, non è a causa dei germi, dei geni o del caso sfortunato. Qualcosa nel nostro stile di vita ha compromesso l’equilibrio del nostro organismo ed ogni sforzo che possiamo fare per ripristinare questo equilibrio sarà un passo avanti per recuperare la salute perfetta.